Il Libro V e le Appendici del Codex Calixtinus


Codex Calixtinus mapa espana

Libro V

Guida del Pellegrino (Iter pro peregrinis ad Compostellam)

É una specie di Guida del pellegrino di Santiago, presenta i luoghi che si devono visitare lungo tutto il cammino, ed avverte il viaggiatore dei pericoli che troverà. Descrive anche la città di Santiago e la sua cattedrale con grande dettaglio.
Contenuto: I capitoli del libro sono i seguenti:
– 192 – [163] –  Argomento del Santo Papa Callisto e indice degli 11 capitoli
– 192-192v – [163-163v] – Capitolo I – Dei cammini di Santiago
– 192v – [163v] – Capitolo II – Delle parti del cammino di Santiago (Callisto Papa)
– 192v-193v – [163v-164v] – Capitolo III – Dei nomi dei villaggi del pellegrinaggio di San Giacomo di Compostella
– 193v – [164v] – Capitolo IV – Dei tre ospizi del mondo
– 193v – [164v] – Capitolo V – Dei nomi di quelli che hanno riparato il cammino di Santiago. (Aimeric)
– 193v-194v – [164v-165v] – Capitolo VI – Dei buoni e nocivi fiumi che si trovano sul cammino di Santiago. (Callisto Papa)
– 194v-197v – [165v-168v] – Capitolo VII – Dei nomi delle terre e delle particolarità delle genti che si trovano sul pellegrinaggio di Santiago
– 197v-207 – [168v-178] – Capitolo VIII – Dei corpi dei santi che riposano sul cammino e che devono essere visitati dai pellegrini. Storia del martirio di San Eutropio, vescovo di Saintes e martire
– 207-212v – [178-183v] – Capitolo IX – Del carattere della città e della basilica di San Giacomo, apostolo di Galizia. (Callisto Papa e Aimeric cancelliere). Sezioni: • Delle chiese della città • Delle misure della chiesa• Delle finestre• Dei portici • Della fontana di San Giacomo• Del sagrato della città• Della porta settentrionale• Della porta meridionale• Della porta occidentale• Delle torri della cattedrale• Degli altari della cattedrale• Del corpo e dell’altare di San Giacomo• Del frontone d’argento• Del baldacchino dell’altare dell’Apostolo• Delle tre lampade• Della dignità della chiesa di Santiago e dei suoi canonici• Dei tagliapietra della chiesa e dell’inizio e fine del suo cantiere• Della dignità della chiesa di San Giacomo
– 212v-213 – [183v-184] – Capitolo X – Del numero dei canonici di San Giacomo
– 213-213v – [184-184v] – Capitolo XI – Come devono essere accolti i pellegrini di San Giacomo
– 213v – [184v] –  Fine del quinto libro dell’apostolo San Giacomo

 

Calixtinus_4

Appendice I

Opere polifoniche

É un quaderno di 6 foglietti (214-219v) (o 185-190v nell’antica numerazione) con 22 composizioni polifoniche. É stato probabilemente scritto poco dopo il Codex, ma prima del 1180. Dal punto di vista musicale, é la parte più importante del manoscritto.

Appendice II

Questa appendice é stata incorporata al manoscritto in un periodo posteriore alla redazione originale, verosimilmente nella rilegatura realizzata alla fine del XII° secolo. Consiste in cinque fogli (f. 221-225) (o 192-196 nella numerazione antica): un bifolio con una falsa bolla di Innocenzo II e diversi foglietti sparsi. Sono copiati da differenti scrittori e contengono differenti testi, sottolinenando qualche miracolo attribuito a San Giacomo. Contiene l’inno dei pellegrini di Santiago:” Dum pater familias”. Nella bolla d’Innocenzo II, al foglietto 221, é dato ad intendere che il responsabile ed autore del Codex é le monaco cluniacense Aymeric Picaud, accompagnatore del pontefice Callisto II nel suo pellegrinaggio a Santiago nell’anno 1109. Secondo lo scritto, verso 1140, Aymeric ha deposto il Codex originale alla Cattedrale di Santiago, primo esemplare del Liber. Tutto questo é messo in dubbio dagli storici, in quanto, tra le altre cose, il bifolio che contiene la bolla non faceva parte del Codex originale, ma é stato aggiunto posteriormente.
Contenuto: – 221 – [192] – Bolla d’Innocenzo II
– 221 – [192v] – Miracolo di Bruno di Vézelay (1139) scritto da Alberico, abate di Vézelay, vescovo di Ostia e legato di Roma
– 221v – [192v] – Alleluia in greco, con notazione musicale
– 222 – [193] – Inno “Dum pater familias”, con notazione musicale (Canto dei pellegrini)
– 222-222v – [193-193v] – Inno “Signa sunt nobis sacra”
– 223 – [194] – Miracolo di San Giacomo, del fanciullo risuscitato, anno 1164
– 223 – [194] – Un altro miracolo: Miracolo di San Giacomo, della figura storta del figlio d’un Visconte, conosciuta nelle terre di Poitiers
– 223v – [194v] – Miracolo di San Giacomo, della liberazione dei cristiani e della fuga dei Saraceni dal Portogallo (1190), in tre letture per le matine della festa del 3 ottobre
– 224 – [195] – Preghiera del maestro G (Gocelin o Galtier ?)
– 224-224v – [195-195v] – 6 letture per l’uffizio, secondo il papa Leone ed il maestro Panicha, sulla traslazione di San Giacomo
– 224v – [195v] – Apparizione di San Giacomo al monaco Oldierus di Chiaravalle:” Tale é la tua giustizia”
– 224v-225 – [195v-196] – Miracolo di San Giacomo, d’un infermo guarito all’epoca delle feste della traslazione (30 dicembre) (due versioni)
– 225 – [196] – Visione d’un certo Fouques, di Montreuil, pellegrino dodici o tredici volte a Santiago
– 225v – [196v] – Copia dell’inno “Signa sunt nobis sacra”

Rispondi